Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Catania - Villa Pacini
Punti di interesse
Catania - Terme della Rotonda
Catania - Arciconfraternita dei Bianchi
Catania - Pozzo di Gammazita
Catania - Terme di Sant'Antonio
Catania - Terme Achilliane
Catania - Monastero della Santissima Trinità
Catania - Cappella Bonajuto
Catania - Cortile San Pantaleone
Catania - Aeroporto Fontanarossa
Catania - Teatro Greco-Romano
Catania - Odeon
Catania - Anfiteatro Romano
Catania - Terme dell'Indirizzo
Catania - Castello Ursino
Catania - Castello Leucatia
Catania - Cattedrale di Sant'Agata
Catania - Auchan San Giuseppe La Rena
Catania - Porte di Catania
Catania - Collegiata
Catania - Chiesa di San Francesco Borgia
Catania - Chiesa di San Benedetto
Catania - Chiesa di San Francesco d'Assisi all'Immacolata
Catania - Chiesa di San Giuliano
Catania - Chiesa di San Nicolò l'Arena
Catania - Chiesa di Santa Maria di Gesù
Catania - Badia di Sant'Agata
Catania - Chiesa di Sant'Agata alla Fornace
Catania - Chiesa di Santa Teresa
Catania - Chiesa di San Michele ai Minoriti
Catania - Chiesa di San Camillo
Catania - Chiesa della Purità
Catania - Chiesa di Sant'Agata al Carcere
Catania - Chiesa di Sant'Agata la Vetere
Catania - Chiesa di Sant'Agata al Borgo
Catania - Chiesa del Santissimo Sacramento al Borgo
Catania - Chiesa di Santa Maria della Guardia
Catania - Chiesa della Santissima Trinità
Catania - Chiesa Santa Maria dell'Aiuto
Catania - Chiesa Santa Maria dell'Indirizzo
Catania - Chiesa di Sant'Agostino
Catania - Chiesa di San Gaetano alle Grotte
Catania - Chiesa di San Domenico
Catania - Chiesa dei Minoritelli
Catania - Chiesa di San Sebastiano
Catania - Chiesa di San Placido
Catania - Faro Biscari
Catania - Pescheria
Catania - Le Ciminiere
Catania - Fontana dell'Elefante
Catania - Fontana dell'Amenano
Catania - Fontana dei Malavoglia
Catania - Fontana di Proserpina
Catania - Fontana dei Sette Canali
Catania - Fontana di piazza Santa Maria di Gesù
Catania - Fontana di Sant'Agata
Catania - Fontana dei Delfini
Catania - Fontana delle Conchiglie
Catania - Fontana di Cerere
Catania - Fontana del centro cittadino
Catania - Villa Bellini
Catania - Villa Pacini
Catania - Orto Botanico
Catania - Parco Gioeni
Catania - Grotta dell'Oliveto Scammacca
Catania - Grotta di Novalucello I
Catania - Grotta della Chiesa
Catania - Grotta Marrano
Sant'Agata li Battiati - Grotta della Leucatìa
Catania - Grotta del Tondo Gioeni
Catania - Grotta Angelo Musco
Catania - Grotta di Novalucello II
Catania - Grotta di Novalucello III
Catania - Grotta Guzzardi
Aci Castello - Grotta Zappalà
Catania - Grotta di San Giovanni
Catania - Grotta Caflisch
Catania - Grotta di Cezza
Catania - Grotta di San Nullo
Catania - Grotta Mario Ciancio
Catania - Grotta Petralia
Catania - Monastero di Santa Chiara
Catania - Monumento a Vincenzo Bellini
Catania - Cavallo di Bronzo
Catania - Museo Belliniano
Catania - Casa-Museo di Giovanni Verga
Catania - Museo Civico
Catania - Casa del Mutilato
Catania - Museo del Giocattolo
Catania - Museo dell'Arte del Carretto Siciliano
Catania - Museo di Mineralogia Paleontologia e Vulcanologia
Catania - Museo di Zoologia
Catania - Lido Plaia
Catania - Amenano
Catania - Fiume Amenano sotto l'Ostello
Catania - Cimitero monumentale
Catania - Meridiana dei Benedettini
Catania - Collegio dei gesuiti
Catania - Monastero Benedettino
Catania - Palazzo degli Elefanti
Catania - Seminario dei Chierici
 
Catania - Villa Pacini

Realizzata, col nome di villa della Marina, nel 1861 - in occasione della sistemazione a giardinaggio della zona del mercato del pesce all'aperto (l'attuale pescheria), che ammorbava l'aria, - in una vasta area, liberata dalle inondazioni del fiume Amenano che la tenevano melmosa. Sindaco, primo sindaco della città era il cav. Giacomo Gravina. Era un "luogo di delizie", con pini e ippocastani frondosi, ponticelli di legno, un laghetto formato da due ruscelli; lo frequentavano signore e signori, eleganti e paciosi, che vi ascoltavano i concerti della banda cittadina dopo la passeggiata della MArina. Nel secondo capitolo del romanzo Una peccatrice (1866), Giovanni Verga descrisse l'atmosfera della Marinae della sua villetta. I concerti nei giorni festivi erano due: uno a mezzogiorno, l'altro di sera; Benedetto Cristadoro, dandone notizia nelle sue cronache, precisò che quello diurno fu, in seguito, ritardato di mezz'ora su richiesta di alcune signore della buona società che volevano avere il tempo di "essere compite nella toletta". Nel 1879 i catanesi vollero onorare il cittadino Giovanni Pacini (1796 - 1867), musicista la cui fama era stata sempre oscurata da quella di Bellini; e l'amministrazione comunale deliberò di immortalarlo nel marmo; "venne dato - racconta Saverio Fiducia - l'incarico del monumento al migliore statuario dell'epoca, a Giovanni Duprè" (1817 - 1882). Il monumento fu collocato nella villetta alla Marina, che con l'occasione fu ribattezzata villa (i villetta) Pacini; ma la notte fra il 29 e il 30 gennaio 1977 uno strano ladro ne rubò la testa poi rifatta da Salvo Giordano) a bbandono a terra i restanti cocci.
Nei primi di gennaio 1880 la banda cittadina eseguiva i suoi concerti in piazza dei Martiri, anziché nella villetta Pacini, dove si stavano eseguendo lavori di abbellimento; i cittadini protestarono poiché in piazza dei Martiri tirava vento, e i concerti furono trasferiti in piazza Università; ultimati i lavori, tornarono alla villetta Pacini.
Nel 1908 furono eseguiti i lavori per la costruzione del viadotto ferroviario, che coinvolsero, in un breve tratto, anche la villetta; si discusse a lungo, anche in Consiglio comunale, se quei tozzi archi dovessero essere cancellati e trasferiti altrove; ma non se ne fece nulla, ed essi rimasero lungo la passeggiata alla Marina, imbruttendo anche la villetta.
Poi (primi decenni del Novecento) le donne disertarono quel sito ameno, cui fu data la denominazione popolaresca di vill'e varagghi: cioè "il giardino... dove sfaccendati e vecchi sbadigliavano, per fame o per noia"; vi si giocava a smarredda (filetto), con la scacchiera disegnata sui bianchi sedili e i sassolini bianchi e neri a far da pedine; vi si udivano "la malinconica voce dell'acquafriscaru, il picchiare reiterato del coltellaccio d'un venditore di tonno nella vicina pescheria, poi il trasvolare rapido di un treno sul viadotto. Con gli anni tutta la poesia d'un tempo scomparve.