Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Misterbianco
Punti di interesse
Catania - Terme di Sant'Antonio
Catania - Monastero della Santissima Trinità
Catania - Cortile San Pantaleone
Catania - Aeroporto Fontanarossa
Catania - Auchan San Giuseppe La Rena
Misterbianco - Auchan
Gravina di Catania - Katanè
Catania - Porte di Catania
Catania - Felix
Misterbianco - Mercatone Uno
Catania - Chiesa di San Nicolò l'Arena
Catania - Chiesa di Santa Maria di Gesù
Catania - Chiesa della Santissima Trinità
Camporotondo Etneo - Chiesa Madre Sant'Antonio Abate
Catania - Fontana di piazza Santa Maria di Gesù
Catania - Parco Gioeni
Catania - Grotta della Chiesa
Catania - Grotta Marrano
San Pietro Clarenza - Grotta Sgangheri
Trecastagni - Grotta Comune
Sant'Agata li Battiati - Grotta della Leucatìa
San Pietro Clarenza - Grotta del Signore
Camporotondo Etneo - Grotta del Menzagno
Catania - Grotta Guzzardi
Catania - Grotta di San Giovanni
Catania - Grotta di San Nullo
Misterbianco - Grotta della Tangenziale
Catania - Museo di Zoologia
Catania - Cimitero monumentale
Catania - Meridiana dei Benedettini
Catania - Monastero Benedettino
Catania - Porta Garibaldi
Catania - Stadio Cibali
 
Misterbianco

Bisogna anticipare che Misterbianco, si trovava anticamente su di un colle pochi chilometri più in alto e distrutto interamente dall'eruzione vulcanica del 1669. Il nome deriva probabilmente dal fatto che esisteva un "Monasterium Album" di frati domenicani dal quale poi il nome Misterbianco. Dell'immagine dell'antico paese non rimangono che pochi dipinti che la raffigurano attraversata da un piccolo fiume, l'Amenano, di fondamentale importanza per l'economia del paese basata soprattutto sull'agricoltura, l'allevamento di bestiame e del baco da seta. Tutt'oggi il fiume Amenano scorre sotterraneo fino al mare, passando per il centro di Catania dove riemerge per dar vita alla fontana denominata "L'acqua a linzolu" (acqua in abbondanza). Sommerso da due grandi bracci di lava che l'accerchiarono completamente, ciò che rimane ai posteri è un querceto, una piccola casa con due cisterne, la chiesetta rurale della "Madonna degli Ammalati" e il campanile della chiesa Madre detto "U Campanarazzu". Nella ricostruzione, pochi chilometri piu' a valle, della nuova Misterbianco si cercò di ricreare fedelmente l'antico centro abitato costruendo similmente la nuova "Chiesa Matrice" e la piazza dei Quattro Canti dove ad ogni angolo vennero edificati i quattro palazzi appartenenti alle famiglie più in vista del vecchio nucleo urbano: Santonocito, Scuderi, Anfuso e Santagati. Tracce di edifici greci, romani e medievali si ritrovano in alcuni dipinti del paesaggista francese Jean Houel giunto in Sicilia nel 1776. Acquistati dalla Zarina Caterina II di Russia i dipinti originali sono custoditi presso il museo Ermitage di S. Pietroburgo. Poco conosciute sono le zone archeologiche del territorio misterbianchese. A ridosso dell'odierna zona commerciale sono stati rinvenuti reperti risalenti al periodo neolitico (ceramiche di uso domestico) e altri insediamenti di eta' greco-romana. Inoltre il territorio e' attraversato dall'acquedotto licodiano di epoca greco-romana che portava l'acqua da Santa Maria di Licodia fino a Catania.