Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Sciacca - Porta San Salvatore
Punti di interesse
Sciacca - Colonna Votiva Dixmude
Sciacca - Bastione Mura Vega
Sciacca - Castello Luna
Sciacca - Chiesa del Carmine
Sciacca - Chiesa di San Giuseppe
Sciacca - Chiesa Santa Maria dello Spasimo
Sciacca - Chiesa San Francesco di Paola
Sciacca - Chiesa dell'Olivella
Sciacca - Chiesa di San Michele
Sciacca - Basilica e Grotta di San Domenico
Sciacca - Badia Grande
Sciacca - Chiesa del Collegio
Sciacca - Chiesa del Purgatorio
Sciacca - Chiesa di Santa Caterina
Sciacca - Chiesa di Sant'Agostino
Sciacca - Chiesa di San Domenico
Sciacca - Chiesa di Santa Margherita
Sciacca - Chiesa di San Nicolò
Sciacca - Chiesa di Santa Maria di Giummare
Sciacca - Basilica Santa Maria del Soccorso
Sciacca - Giardino Comunale
Sciacca - Museo Scaglione
Sciacca - Palazzo Perollo Arone
Sciacca - Palazzo Steripinto
Sciacca - Palazzo Tagliavia San Giacomo
Sciacca - Porta San Salvatore
Sciacca - Porta Palermo
Sciacca - Porta San Calogero
Sciacca - Porto
Sciacca - Teatro Nuovo
Sciacca - Terme Selinuntine
Sciacca - Torre Billante
Sciacca - Torre del Pardo
Sciacca - Torre San Michele
Sciacca - Torre del Barone
 
Sciacca - Porta San Salvatore

Prende il nome dalla vicina chiesa ormai scomparsa del Salvatore, ingoiata dalla costruzione del complesso monumentale del Carmine. Secondo accertate conoscenze storiche, si tratta sicuramente della più antica porta della città, anche perché è quella che porta direttamente al centro storico, inoltre si tratta anche della più bella architettonicamente. Si tratta di una costruzione che presenta lineamenti tipicamente riconducibili al periodo rinascimentale. Si presenta con due colonne ed un arco sostenuto dalla stilizzazione di due grossi elefanti (uno per colonna). La facciata esterna si presenta elegantemente ornata. Possiamo facilmente apprezzare degli arabeschi, rosette, teste leonine e dei basso rilievi che raffigurano due leoni rampanti. Sulla sommità della porta si notano tre stemmi che ornano il balcone, quest'ultimo è sostenuto da quattro robuste mensole. I tre stemmi sono, quello a sinistra l'antico stemma della città con raffigurata Maria Maddalena tra due leoni rampanti. Lo stemma centrale è lo stemma della Casa d'Austria, regnante in quel tempo, poi infine c'è lo stemma della famiglia Sotomajor, per ricordare l'allora capitano della città Rotorico Osvaldo Sotomajor, a cui si deve proprio la costruzione di questa porta. A poche decine di metri ancor oggi presente si trova un imponente bastione, parte integrante nel passato della cinta muraria che proteggeva la città dalle invasioni. Anche qui si nota l'estrema fantasia dei Saccensi e dell'abile maestria degli artigiani del tempo, le mura perimetrali di quest'angolo dell'antica cinta, si presenta con decori molto diversi tra loro ma eseguito con particolare raffinatezza. Impronta presente anche in altre costruzioni del tempo, a noi oggi pervenute.