Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Sciacca - Castello Luna
Punti di interesse
Sciacca - Colonna Votiva Dixmude
Sciacca - Bastione Mura Vega
Sciacca - Castello Luna
Sciacca - Chiesa del Carmine
Sciacca - Chiesa di San Giuseppe
Sciacca - Chiesa Santa Maria dello Spasimo
Sciacca - Chiesa San Francesco di Paola
Sciacca - Chiesa dell'Olivella
Sciacca - Chiesa di San Michele
Sciacca - Basilica e Grotta di San Domenico
Sciacca - Badia Grande
Sciacca - Chiesa del Collegio
Sciacca - Chiesa del Purgatorio
Sciacca - Chiesa di Santa Caterina
Sciacca - Chiesa di Sant'Agostino
Sciacca - Chiesa di San Domenico
Sciacca - Chiesa di Santa Margherita
Sciacca - Chiesa di San Nicolò
Sciacca - Chiesa di Santa Maria di Giummare
Sciacca - Basilica Santa Maria del Soccorso
Sciacca - Giardino Comunale
Sciacca - Museo Scaglione
Sciacca - Palazzo Perollo Arone
Sciacca - Palazzo Steripinto
Sciacca - Palazzo Tagliavia San Giacomo
Sciacca - Porta San Salvatore
Sciacca - Porta Palermo
Sciacca - Porta San Calogero
Sciacca - Porto
Sciacca - Teatro Nuovo
Sciacca - Terme Selinuntine
Sciacca - Torre Billante
Sciacca - Torre del Pardo
Sciacca - Torre San Michele
Sciacca - Torre del Barone
 
Sciacca - Castello Luna

Costruito dal Conte di Caltabellotta Guglielmo Peralta, se ne impossessò la famiglia Luna, dopo il matrimonio della nipote Margherita con il Conte Artale di Luna. Caratteristica di molte costruzioni simili era quella di sorgere sulla parte dominante del territorio. Il castello luna segue questa tipologia d'ubicazione, infatti, sorge nella parte alta di Sciacca, sulla roccia grezza, inserito all'interno dell'area perimetrale delle antiche mura di cinta costruite a difesa della città, di cui ancor oggi è possibile apprezzarne alcuni resti. Ormai deteriorato e abbandonato nel tempo, oggi dopo interventi di restauro per recuperare quanto possibile, hanno fatto in modo che le parti ancora presenti quali, le mura di cinta, il mastio, il palazzo comitale e la torre cilindrica, siano visitabili e non più pericolanti e quindi fruibili anche dai turisti.