Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Sciacca - Chiesa di San Giuseppe
Punti di interesse
Sciacca - Colonna Votiva Dixmude
Sciacca - Bastione Mura Vega
Sciacca - Castello Luna
Sciacca - Chiesa del Carmine
Sciacca - Chiesa di San Giuseppe
Sciacca - Chiesa Santa Maria dello Spasimo
Sciacca - Chiesa San Francesco di Paola
Sciacca - Chiesa dell'Olivella
Sciacca - Chiesa di San Michele
Sciacca - Basilica e Grotta di San Domenico
Sciacca - Badia Grande
Sciacca - Chiesa del Collegio
Sciacca - Chiesa del Purgatorio
Sciacca - Chiesa di Santa Caterina
Sciacca - Chiesa di Sant'Agostino
Sciacca - Chiesa di San Domenico
Sciacca - Chiesa di Santa Margherita
Sciacca - Chiesa di San Nicolò
Sciacca - Chiesa di Santa Maria di Giummare
Sciacca - Basilica Santa Maria del Soccorso
Sciacca - Giardino Comunale
Sciacca - Museo Scaglione
Sciacca - Palazzo Perollo Arone
Sciacca - Palazzo Steripinto
Sciacca - Palazzo Tagliavia San Giacomo
Sciacca - Porta San Salvatore
Sciacca - Porta Palermo
Sciacca - Porta San Calogero
Sciacca - Porto
Sciacca - Teatro Nuovo
Sciacca - Terme Selinuntine
Sciacca - Torre Billante
Sciacca - Torre del Pardo
Sciacca - Torre San Michele
Sciacca - Torre del Barone
 
Sciacca - Chiesa di San Giuseppe

a chiesa di "S. Giuseppe" fu fondata intorno al 1500 dalla famiglia Calandrino. Nel 1608, trovandosi in uno stato d'avanzata decadenza strutturale fu ricostruita per iniziativa di Giulio Boccone console dei falegnami. Finiti i lavori di recupero fu riaperta ai fedeli, intitolata a S. Giuseppe. Intanto con il tempo divenne nuovamente inagibile, nel 1836 la chiesa fu nuovamente ricostruita, è completata nel 1856. L'attuale facciata, che fu rifatta nel 1913, su progetto dell'ing. Vincenzo Scaturro, che mantenne, dall'antica chiesa il particolare portale, in tipico stile barocco. L'interno si presenta con un'unica navata, ed ha sette altari. Sull'altare maggiore si trova la statua in legno, di "S. Giuseppe" che fu fatta eseguita a Napoli nel 1858 su commissione di D. Giuseppe Tagliavia, marchese di S. Giacomo. All'interno della navata sul lato sistro nel primo altare troviamo, il dipinto su tela di "S. Giuliano e S. Ambrogio", a seguire nel secondo altare troviamo il dipinto con "I Re Maggi", questi dipinti non firmati, furono attribuiti a Tommaso Rossi. Sul lato destro della navata, nel primo altare troviamo il dipinto su tela che raffigura "Lo sposalizio di Maria", a seguire nel secondo altare troviamo il dipinto, che raffigura "La visitazione di S. Elisabetta" e nel terzo altare troviamo il dipinto che rappresenta "Il transito di S. Giuseppe", opere di Tommaso Rossi. Ai lati del presbiterio, troviamo altri due dipinti che raffigurano "L'Angelo che attera il demonio" sul lato destro, e "L'angelo custode con bambino", sulla sinistra. Anche questi dipinti furono attribuiti a Tommaso Rossi. Nella volta tra l'arco trionfale e il cantico, furono collocate altre due tele che raffigurano, la "Sacra Famiglia"e il "Trionfo di S. Giuseppe", opere dell'artista saccense, Luigi Schittone. Nel 1624 il saccense Giuseppe Salvagio, scolpi un'altra statua in legno di S. Giuseppe, che si trova collocata in una nicchia accanto all'organo.