Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

 
Possiedi una foto da
inserire in questa pagina?



Comuni nelle Vicinanze
  • Favignana
  • Marsala
  • Paceco
  • Xitta

  • Punti di interesse
    Marsala - Aeroporto di Trapani Birgi
    Mozia - Tophet
    Mozia - Strada lastricata
    Mozia - Cothon
    Mozia - Casa dei Mosaici
    Mozia - Museo Whitaker
    Mozia
    Mozia - Porta Nord
    Mozia - Porta Sud
    Mozia - Imbarcadero
    Mozia - Torrione
    Marsala - Torre San Teodoro
     
    Mozia - Porta Sud

    Tutto il nucleo di Porta Sud è relativo all’ultima fase di costruzione delle fortificazioni (fine V sec. a.C.) ed ingloba murature più antiche delle fasi edilizie precedenti. La parte superiore dei muri, non più conservata, doveva essere in mattoni crudi intonacati. Il parapetto del cammino di ronda era coronato da grandi merli di pietra a sommità curva; questa tipologia, di origine egiziana, è attestata anche in altri centri occidentali fenici (ad es. Tharros in Sardegna).
    La porta era difesa da due poderose torri quadrate, lievemente diverse fra loro per dimensioni ed orientamento; la torre occidentale serviva anche come difesa al Cothon.
    All’interno della porta si trova un quartiere non facilmente leggibile per il pessimo stato di conservazione delle murature e per la stratificazione di diverse fasi edilizie. Il primo impianto è anteriore alla costruzione delle fortificazioni e risale agli inizi del VII sec. a.C.; l’ultimo si può datare alla fine del V sec. a.C. e coincide con il massimo sviluppo edilizio della zona.
    L’assedio siracusano del 397 a.C. , che impone agli abitanti di Mozia drastiche misure difensive, provoca grandi trasformazioni nell’assetto del quartiere. All’interno delle mura, davanti alla porta e un po’ piú ad occidente di essa, vengono scavate due grandi fosse per il recupero di materiali da utilizzare per la difesa. Con il materiale di risulta dello scavo in corrispondenza della porta viene costruito uno sbarramento, oggi non più visibile perché asportato dal Whitaker nel corso dei suoi sondaggi. A questa ultima fase risale la costruzione di un muro ad andamento curvo che inglobava nel suo perimetro il quartiere (o ciò che restava di esso) ed il Cothon.
    Con la vittoria di Dionisio di Siracusa si conclude la tormentata storia del quartiere e la zona viene definitivamente abbandonata.