Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Registrati Dimenticata la password?
adattabile

 
Possiedi una foto da
inserire in questa pagina?



Comuni nelle Vicinanze
  • Licata

  • Punti di interesse
    Licata - Castello Sant'Angelo
    Licata - Chiesa San Paolo
    Licata - Chiesa San Girolamo
    Licata - Chiesa e Convento Del Collegio
    Licata - Chiesa e Convento Sant'Angelo
    Licata - Chiesa del Santissimo Salvatore
    Licata - Chiesa della Carità
    Licata - Chiesa di Santa Maria La Vetere
    Licata - Chiesa di San Francesco
    Licata - Chiesa del Carmine
    Licata - Chiesa di Sant'Agostino
    Licata - Duomo
    Licata - Villa Garibaldi
    Licata - Villa Elena
    Licata - Museo Archeologico
    Licata - Palazzo Frangipane
    Licata - Palazzo Bosio
    Licata - Palazzo Dominici
    Licata - Municipio
    Licata - Porto
     
    Licata - Palazzo Dominici

    Palazzo Caro-Cannarozzi-Dominici. Prospetta sul corso Vittorio Emanuele, di fronte la via Frangipane e confina con la via Adamo a sud e Cannarozzi a nord all'interno delle quali in origine si sviluppava in profondità con stalle, magazzini, cantine ed un lussureggiante giardino. La tradizione vuole sia in origine appartenuto alla ricca famiglia baronale dei Caro, signori del feudo e castello di Montechiaro e del principato di Lampedusa. Come si sa una ricca discendente di questa famiglia, donna Francesca, erede dei titoli e dei feudi, sposò Mario Tomasi, già vedovo, giunto a Licata con l'incarico di capitano d'armi a guerra. Da questo matrimonio ebbe origine la schiatta dei Gattopardo, la fondazione della terra di Palma e quindi la nascita del duca Santo e di San Giuseppe Maria Tomasi e Caro, cardinale teatino, compatrono di Licata, che fu battezzato in casa a Licata, forse in questo palazzo. Dai Caro passò ai Cannarozzi e fu abitato dallo studioso e storico di antichità classiche Giuseppe Cannarozzi, autore di un testo di archeologia su Licata. Da questa famiglia passò ai Dominaci che lo ristrutturarono completamente nella seconda metà dell'ottocento. A loro appartiene lo stemma con corona di cavaliere posto sulla trabeazione in linea con il portone principale. Suggestivo è il cortile, ma risenta delle varie modificazioni subite dall'intero palazzo.