Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Gela - Villa Garibaldi
Comuni nelle Vicinanze
  • Butera
  • Gela
  • Niscemi

  • Punti di interesse
    Gela - La Conchiglia
    Gela - Acropoli
    Gela - Le Mura di Caposoprano
    Gela - Chiesa di Sant'Agostino
    Gela - Chiesa San Francesco di Paola
    Gela - Chiesa di San Francesco d'Assisi
    Gela - Chiesa di San Giovanni Battista
    Gela - Chiesa dei Santissimi Salvatore e Rosario
    Gela - Chiesa Madonna delle Grazie
    Gela - Chiesa di San Giacomo
    Gela - Chiesa Madre
    Gela - Villa Garibaldi
    Gela - Statua dell'Onorevole Salvatore Aldisio
    Gela - Museo Archeologico
    Gela - Palazzo di Città
    Gela - Porto
     
    Gela - Villa Garibaldi

    Il giardino pubblico di Gela, intitolato a Giuseppe Garibaldi, fu inaugurato nel 1878 sull'area occupata un tempo dall'orto dei padri cappuccini (il cui convento si trova accanto). Il progetto venne realizzato dal terranovese Ing. Emanuele Labiso. La villa presenta due ingressi: quello originario lungo la via Cappuccini e quello principale sul corso Aldisio, realizzato negli anni '50 ed impreziosito da un monumentale complesso architettonico in stile razionalista. Riaperto al pubblico nel 1998, il giardino è ornato dai busti marmorei di Garibaldi ed Umberto I° (che sino al 1952 ornava l'omonima piazza nel centro della città). La villa presenta inoltre una grande vasca circolare e uno stagno per le papere. Sino ai primi anni '50 la villa era dotata di un caratteristico palco musicale in ferro battuto, l'Armonium. Tanti sono gli alberi secolari che offrono frescura al visitatore: palme, ficus, pini, abeti, salici. Il fiore all'occhiello dell'antica villa gelese è senza dubbio il magnifico belvedere sul Mediterraneo. Recentemente è stato realizzato un anfiteatro per spettacoli all'aperto nel sottostante vallone Pasqualello. L'antica Gela possedeva anche un'altro bel giardino, il parco delle Rimembranze, che fu eliminato in seguito ai scavi archeologici dell'Acropoli. Ma il polmone verde più frequentato della città è senz'altro il giardino "dell'Auriga" nel quartiere residenziale di Macchitella.