Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Gela - Museo Archeologico
Comuni nelle Vicinanze
  • Butera
  • Gela
  • Niscemi

  • Punti di interesse
    Gela - La Conchiglia
    Gela - Acropoli
    Gela - Le Mura di Caposoprano
    Gela - Chiesa di Sant'Agostino
    Gela - Chiesa San Francesco di Paola
    Gela - Chiesa di San Francesco d'Assisi
    Gela - Chiesa di San Giovanni Battista
    Gela - Chiesa dei Santissimi Salvatore e Rosario
    Gela - Chiesa Madonna delle Grazie
    Gela - Chiesa di San Giacomo
    Gela - Chiesa Madre
    Gela - Villa Garibaldi
    Gela - Statua dell'Onorevole Salvatore Aldisio
    Gela - Museo Archeologico
    Gela - Palazzo di Città
    Gela - Porto
     
    Gela - Museo Archeologico

    Il museo archeologico di Gela fu realizzato nella seconda metà degli anni Cinquanta per conto del Ministero ai LL.PP., con i fondi della Cassa per il Mezzogiorno, su progetto dell'architetto Luigi Pasquarelli. L'edificio fu costruito dall'impresa I.CO.RI. di Milano sotto la direzione dell'architetto Rosario Corriere; l'inaugurazione avvenne il 21 settembre del 1958. La nascita del museo pose fine al pluridecennale dirottamento dei reperti archeologici da Gela in altri musei dell'Isola come ad esempio Palermo, Siracusa e Agrigento. Reperti unici e d'inestimabile valore, scoperti a Gela, si trovano inoltre nei musei di Napoli, Torino, Bologna, Firenze, Milano, Londra, Oxford, Berlino, New York, Boston, Cambridge, Baltimora, Tampa, Yale, Rhode Island, Basilea, Stoccarda, Vienna, Amburgo, Zurigo, ecc.; senza contare tutti quelli trafugati ed esportati clandestinamente che fanno parte di collezioni private in tutto il mondo. L'esposizione dei reperti archeologici é ripartita in due piani; nel pianoterra, si trovano i reperti d'epoca protostorica venuti alla luce nel territorio urbano di Gela, nonché quelli d'epoca greca dell'Acropoli, della Nave Greca, dell'Emporio di Bosco Littorio e di Caposoprano. Inoltre, sempre a pianoterra si trova una cospicua serie di vasi attici e corinzi della collezione Navarra ed una numerosa serie di reperti delle necropoli arcaiche del Borgo. Nel piano superiore sono esposti i reperti provenienti dai santuari extraurbani e dai centri d'età protostorica, greca e romana dell'entroterra gelese; nello stesso piano, inoltre, vi sono diverse vetrine contenenti materiali ceramici, vetri e bronzi del periodo medievale della città. Inoltre, recentemente è stata allestita l'esposizione del monetiere costituito da più di 2000 monete che vanno dal V sec. a.C. a Vittorio Emanuele II; la collezione monetale comprende anche il "Tesoro di Gela", dove si trovano monete greche d'argento, rinvenute nel 1956, riferite alle zecche di Gela, Agrigento, Siracusa, Zancle, Reggio, Acanto ed Atene.
    Sempre su questo stesso piano si possono ammirare gli altari di terracotta ritrovati nel dicembre del 1999 nell'area archeologica di Bosco Littorio e un elmo corinzio del VI-V sec. a.C. ritrovato nei fondali del mare di Gela.
    Tutto il materiale, costituito da circa 4200 reperti, esposto nel museo é articolato in otto sezioni.

    Al piano terra:
    *Sezione I - La storia, la protostoria, l'acropoli, l'emporio e la nave;
    *Sezione II - L' Heraion e la città tra il IV ed il III secolo a.C.;
    *Sezione III - Le fornaci e l'epigrafia;
    *Sezione IV (indicata come VIII) - Le necropoli greche e le collezioni Navarra e Nocera;
    Al primo piano:
    *Sezione V - Le anfore;
    *Sezione VI - I santuari extra urbani;
    *Sezione VII - Il territorio dalla protostoria all'età greca;
    *Sezione VIII - Il territorio dall'età romana a quella medioevale.