Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Alì
Punti di interesse
Itala - Abbazia di San Pietro e Paolo
Itala - Abitato Bizantino di Micos
Scaletta Zanclea - Castello Rufo Ruffo
Scaletta Zanclea - Chiesa di San Nicolò
Fiumedinisi - Chiesa di San Pietro
Fiumedinisi - Chiesa Madre di Maria Santissima Annunziata
Itala - Monte Scuderi
Fiumedinisi - Gola del Fiume
 
Alì

Varie sono le opinioni degli scrittori sulle origini di Alì Superiore. Alcuni lo ritengono fondato dai Greci alidesi, altri dai Saraceni.
In epoca normanna, Alì Superiore, con tutto il territorio, fu assegnato dal Conte Ruggero al Monastero dei Benedettini di Agrò.
Il Conte Ruggero è uno dei più rilevanti personaggi medievali, ed occupa un posto assai rilevante nella storia della Sicilia e in particolare della nostra Provincia. Sbarcato nel 1061 con la sua gente, iniziò e concluse vittoriosamente dopo circa 30 anni di lotte cruenti, la guerra contro i Musulmani, ottenendo nel 1072, dopo la conquista di Palermo, il titolo di Gran Conte di Sicilia. Ai suoi commilitoni, e cioè a coloro che lo avevano aiutato nella conquista dell'Isola, assegnò a titolo di ricompensa per i servizi prestati, i cosiddetti "feudi", e cioè delle terre concesse in godimento, e con giurisdizione più o meno piena sui dipendenti, le quali diedero origine a quel lungo periodo di assolutismo e di abusivismo, che passò alla storia sotto il nome di Feudalesimo. Più tardi, dopo il passaggio in Commedia del Monastero di Agrò, che come abbiamo detto, il cont5e Ruggero aveva assegnato ai Benedettini, Alì Superiore fu dichiarato terra - regia. nel 1676, Alì Superiore figurava fra i casali e le terre dipendenti da Savoca. Ciò si rileva dall'atto di capitolazione ai Francesi, stipulato proprio in quell'anno, tra il Vicerè di Sicilia e i Nobili Savocesi, dove si legge, fra l'altro: "La terra di Savoca, dovendo formare milizia per il regno, sia Capo di Bandiera e tenga sotto di sé i Casali e le terre di Alì, Fiume Nisi, Itala, Mandanici, Limina, Forza d'Agrò, la Mola, Roccella, oltre le terre e i Casali di Casale Vetus, Pagliara, Locadi ecc.. Ciò prova che nella seconda metà del secolo, Alì Superiore, avendo raggiunto il titolo di Capoluogo di Mandamento, era un centro di non trascurabile importanza.