Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Naro - Chiesa del Santissimo Salvatore
Punti di interesse
Naro - Castello Chiaramonte di Naro
Naro - Chiesa del Santissimo Salvatore
Naro - Antico Duomo Normanno
Camastra - Chiesa Madre
Lago di San Giovanni
Naro - Porta d'Oro
Camastra - Torre Castellazzo
 
Naro - Chiesa del Santissimo Salvatore

Durante il '600 Naro raggiunse il suo massimo splendore arricchendosi di diversi monumenti barocchi. Tra questi ricordiamo la Chiesa del SS. Salvatore in via Dante, a cui un tempo era annesso il Monastero delle Benedettine, il quale è stato abbattuto per costruire un anacronistico edificio scolastico.

La chiesa è stata eretta per volontà del Re Martino il Giovane nel 1398 durante il suo soggiorno a Naro con la Regina Maria.

L’avvento dell’epoca barocca vide la totale trasformazione della chiesa. La facciata fu rinnovata solo nel suo ordine inferiore (mentre quello superiore è rimasto allo stato rustico), la quale è stata arricchita con ricchi intagli di tufo color giallino, dandole un aspetto tipicamente spagnolesco.

Cinque paraste (semipilastri addossati a pareti con funzioni di sostegno) suddividono gli spazi della facciata, due dei quali si dispongono ai lati del portale; in due nicchie (cavità, spesso a forma di semicilindro, ricavata nello spessore di un muro) profonde si dispongono le statue di San Benedetto e di Santa Scolastica. Di fianco, troviamo il campanile costruito nel 1750, rimasto incompleto.

L’interno è composta da una navata unica e da un pronao (atrio) d’accesso. Un tempo, la chiesa era adornata da una bellissima volta affrescata da Domenico Provenzani. Oggi, purtroppo, è possibile vedere solo l’ombra del suo passato splendore.

Tra l’ingresso e la porta, vi è il sarcofago di Giuseppe Lucchesi, marchese di Delia e accanto quello di Assuero Lucchesi, l’ultimo duca di Alagona.