Logo Splash Sicilia
Sicilia
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
adattabile

  Ustica
Comuni nelle Vicinanze

Punti di interesse
Ustica - Guerriero Usticense
Ustica - Castello Saraceno
Ustica - Chiesa Madre
Ustica - Faro di Punta Cavazzi
Ustica - Faro di Punta Omo Morto
Ustica - Grotta Segreta
Ustica - Grotta dei Gamberi
Ustica - Grotta Azzurra
Ustica - Cala Cimitero
Ustica - Scoglio del Medico
Ustica - Punta dell'Arpa
Ustica - Punta Testa del Rosso
Ustica - Cala Santa Maria
Ustica - Torre Punta Spalmatore
Ustica - Torre Santa Maria
 
Ustica

Occupa interamente l'isola di Ustica e comprende nel suo territorio la Riserva naturale marina Isola di Ustica.

Storia


L'isola è stata popolata fin dal 1500 a.C. dai Fenici. Nell'antica Grecia l'isola fu chiamata Osteodes (ossario), in ricordo dei migliaia di ammutinati Cartaginesi lasciati sull'isola a morire di fame nel IV secolo a.C.. I romani la rinominarono Ustica, dal latino ustum che significa bruciata, a causa delle sue rocce nere.

Nel VI secolo vi si stabilì una comunità Benedettina, ma fu ben presto costretta a spostarsi a causa delle imminenti guerre fra Cristiani ed Arabi. Nel Medioevo fallirono dei tentativi di colonizzare l'isola a causa delle incursioni dei pirati barbareschi, che fecero dell'isola un proprio rifugio.

Solo dal XVIII secolo i Borboni vi insediarono, stavolta in modo stabile, delle famiglie provenienti dalle Eolie e dalla Sicilia con un centinaio di soldati.

Durante il regime fascista e fino al 1950 Ustica fu utilizzata come prigione.

Incidente del volo 870


La località è conosciuta come punto di riferimento della cosiddetta Strage di Ustica che avvenne il 27 giugno 1980, quando il volo Itavia da Bologna a Palermo, precipitò a poca distanza dall'isola; in quell'episodio morirono ottantuno persone tra passeggeri e equipaggio.
Le cause della sciagura non sono mai state accertate. In quel periodo, Francesco Cossiga era Presidente del Consiglio e Jimmy Carter era il capo delle forze armate statunitensi.